Global Tavor 2019 03 08

Un otto marzo col botto, insomma, un BOtto Marzo: Straccio, Camel e Globulo sentono il clima che cambia, tutto si mobilita ma a Global Tavor solo della gran braga, solo masculi pelosi, che tristezza. Si sciolgono le calotte, l’amore è femmina, “Salvini in fondo al mar”, dicono le pulzelle in piazza, ma cala il Verdicchio Sartarelli, impietosamente. Pioggia isterica, testate, soreta d’Italia e tripudio di fiori: moriremo tutt*, proprio ora che c’è la legge sulla legittima difesa. Contro le ragadi anali Videolina Saba: che brutta fine fanno, il bandito e il cinghiale, mattarello o pistola, orrore (e sinossi) senza precedenti. Arrapaho, fatebenefratelli: il punto più basso della nostra carriera, non ci sono dubbi!

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *