Disco D’Oro – Agosto 2018

Altro Mese, altra tripletta di dischi consigliati dai nostri spacciatori di dischi preferiti.
Per l’edizione di Agosto, Disco D’Oro ci ha aperto la porta e ci ha proposto tre album.

Vicktor Taiwò “Joy Comes In Spirit” (Innovative Leisure Records)

Se cercavate un prodotto che si facesse strada tra ambiziose strutture r&b e ancor più amletici momenti indie-folk il piatto è servito. L’album di debutto di Vicktor Taiwo è davvero un fulmine a ciel sereno, una di quelle produzioni che contribuiranno a cambiare le dinamiche della musica popolare comunemente detta. E’ un disco che si immerge nella musica degli Appalachi, nel dolente rhythm’n’blues e nei canti classici dei campi di cotone, per poi riemergere nei suoni di una produzione moderna che non teme certo confronti con l’elettronica e certo hip-hop. Lo potremmo consigliare a chi si è esaltato con Ibeyi, Kelela, Sampha, Moses Sumney e – non ultimo – Frank Ocean, ma non renderemmo piena giustizia a questo artista emergente che si è già fatto notare con prezzi scritti per la serie televisiva Girls e quella prodotta da Netflix ‘Dear White People’.

Adrian Younge/Ali Shaheed Muhammad “Midnight Hour” (Linear Labs Records)

Quando due dei compositori più famosi del circuito hip-hop si riuniscono per fare un album i risultati non potranno che essere speciali. E’ questo il caso del programmatico The Midnight Hour che nasce dall’incontro tra Ali Shaheed Muhammad (A Tribe Called Quest) ed Adrian Younge, che già avevano collaborato in occasione dell’album del 2013 There Is Only Now e per lo score originale della serie TV ispirata all’eroe nero per eccellenza dell’universo Marvel Luke Cage. Con la complicità di uno straordinario cast – contiamo gli interventi vocali di Raphael Saadiq, Bilal, Laetitia Sadier e dell’inossidabile icona Luther Vandross – i beats di Questlove dei Roots e la tromba del celebrato session man Keyon Harrold, The Midnight Hour vuole essere un tributo a 360 gradi alla cultura black.

Fit Of Body “Black Box No Cops” (2MR Records)

Nato a College Park (Georgia, USA) e cresciuto nella capitale anche come skater, Ryan Parks, in arte Fit of Body, è artista multimediale, produttore, performer e fondatore di una sua etichetta. Il suo stile particolare è capace di variare e spaziare tra diversi generi musicali, tra cui la techno old school di Detroit, il jazz il rap e la new wave. “Black Box No Cops”, titolo del suo nuovo album, prende il nome dal posto dove era solito praticare indisturbatamente skate, nel tentativo di cercare la sua libertà, divertendosi con il freestyle e già immaginando testi e musiche per le sue canzoni.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *