“Oh, dear Bologna underground”

Una ricognizione forse parziale ma di certo coinvolta e appassionata della scena musicale di Bologna oggi, insieme a Diego De Angelis (VICE) e Tea Campus (Oh! Dear Records), e a cura di Enzo Baruffaldi (polaroid – un blog alla radio).
Tutto nasce da questo articolo di qualche settimana fa, che racconta alcune “band underground” bolognesi, e poi si arriva a parlare di questo bel festival, che sabato  al Mikasa vedrà coinvolte proprio alcune di quelle band.
In mezzo, tra brindisi e playlist, si cerca di parlare del presente e del futuro prossimo della città.
Lungo la chiacchierata, si ascoltano:

The Jackson Pollock – Surf
Congedo – Believe
Vilma – Miyagi
Guenter Råler – Too Young
Cruel Experience – Help Me Wizard
Baseball Gregg – Vacation



Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *